venerdì 22 giugno 2007

Il Papa, un hacker e Harry Potter


Voi non sentite puzza di bufala e gratuita pubblicita'?
Raffaella

Harry Potter, hacker svela il finale per obbedire al Papa

Un hacker ha svelato quello che a suo dire sarebbe il finale del settimo e ultimo capitolo della saga di Harry Potter, la cui uscita è prevista fra un mese. A morire dovrebbero essere i due amici del maghetto: Hermione e Hagrid, mentre a Harry toccherà regolare i conti con i vari cattivi. Il pirata informatico, che si fa chiamare Gabriel, sostiene di essere riuscito a entrare nei computer della casa editrice, la Bloomsbury, semplicemente inviando una e-mail infetta a un dipendente. Ora, in un noto sito di hacker (InSecure.org), Gabriel ha messo a disposizione il materiale, sostenendo di voler «rendere inutile la lettura del libro». Curiose le ragioni dell'operazione: «L'ho fatto» ha spiegato Gabriel «seguendo le parole del grande Papa Benedetto XVI, quando era ancora il cardinale Ratzinger: egli spiegò che Harry Potter porta i giovani a un neo-paganesimo». Fonti della Bloomsbury minimizzano: «Circolano sempre tante versioni ufficiose del libro: non confermiamo né smentiamo i rumours».

© Copyright Libero, 22 giugno 2007


Hacker svela il finale del nuovo libro

Hermione e Hagrid moriranno. Questa la rivelazione-shock che un hacker ha fatto circolare sul web. Gabriel, questa la firma del pirata informatico che ha deciso di boicottare "Harry Potter and the Deathly Hallows" ispirandosi a Papa Ratzinger, che a suo tempo aveva accusato la saga di istigare i giovani lettori al neopaganesimo.

© Copyright Libero, 22 giugno 2007


LA NOVITÀ

Londra: un hacker rivela il finale del prossimo libro. Bloomsbury non commenta. Scoop o spot?

"Harry Potter, ecco come andrà a finire"

CINZIA SASSO

DAL NOSTRO INVIATO
LONDRA - Sarà vero? Manca un mese perché Harry Potter and the Deathly Hallows, l´ultimo libro della serie, sia in vendita nelle librerie, e ieri un hacker dal nome gentile pubblica su Internet tutta la storia, svelando ogni mistero. Ma sarà vero quello che scrive? E cioé che quella secchiona di Hermione è stata uccisa in un duello finale con Voldemort e il gigante buono Hagrid ammazzato per mano di quel viscido del professor Piton? Come al solito, alla vigilia della pubblicazione dei libri di culto di J.K. Rowling si scatena sul web la corsa alle ultime incandescenti rivelazioni che naturalmente non vengono né confermate né smentite da Bloomsbury, la casa editrice che pubblica la serie di Harry Potter e che solo il 21 di luglio, data di uscita nelle librerie, si aspetta di vendere tre milioni di copie.
L´hacker che ha messo a rumore la folla degli appassionati di Potter – 325 milioni di copie vendute, libri tradotti in 64 lingue, 5 film già realizzati - si fa chiamare Gabriel e sostiene di aver avuto accesso alle bozze del libro direttamente dal computer di un impiegato della Bloomsbury, inviandogli una mail contenente un virus, un lavoretto facile facile. E ieri su insecure.org ha rivelato, in un inglese abbastanza incerto, ampi dettagli della trama dell´ultima fatica della scrittrice scozzese. Tra questi, la morte di Hermione durante un duello con Lord Voldemort e quella del guardiaboschi Hagrid per mano di Piton. Non c´è, nella versione anticipata dal pirata informatico, quello che i fan della saga si aspettavano e insieme temevano di più: la morte di Harry. Gabriel ha cercato di nobilitare il suo gesto: «L´ho fatto – ha scritto - per seguire le preziose parole di Papa Benedetto XVI quando era cardinale. Disse che Harry Potter avrebbe portato i giovani verso la fede nel neo-paganesimo». La Bloomsbury è tranquilla: «In rete – ha detto un portavoce - circolano moltissime versioni e ipotesi del finale. Noi non neghiamo né confermiamo nulla».

© Copyright Repubblica, 22 giugno 2007


La presunta "vendetta" d'un hacker

E io vi svelo come finirà Harry Potter...

Anna Mallamo

Terzo segreto di Fatima? Database del Pentagono? Formula della Coca Cola? Macché. Il segreto dei segreti dei nostri tempi è... il finale della saga di Harry Potter, oggetto d'un'attesa planetaria che avrebbe dovuto aver fine solo il 21 luglio, data di pubblicazione (nei paesi anglosassoni) dell'ultimo libro della serie, "Harry Potter and the Deathly Hallows". E invece no. Un hacker inglese, nome in codice "Gabriel", il 19 giugno ha raccontato su un sito internet molto frequentato (insecure.org, ieri in tilt per l'enorme numero di collegamenti, dopo che la notizia è stata diffusa) di aver scoperto tutto, grazie alla propria abilità informatica, "forzando" con un virus ("Gabriel" spiega in dettaglio quale e come) il computer di un impiegato della casa editrice Bloomsbury e leggendo indisturbato le bozze del segretissimo romanzo di J. K. Rowling.
Il finale – secondo "Gabriel", che si esprime in un inglese alquanto rudimentale – sarebbe shocking: i due personaggi che, come aveva annuciato la stessa autrice, sarebbero morti prima della conclusione della vicenda sono nientepopodimeno che Hagrid, ucciso dal professor Piton mentre tenta di salvare Hermione e Ron da un agguato, e la povera Hermione, assassinata da Lord Voldemort in persona durante una battaglia di incantesimi. E questi due delitti sarebbero la spinta finale per Harry, che, pieno di rabbia e dolore, l'avrebbe definitivamente vinta su tutti i suoi nemici. Anzi, su tutti tranne uno: il malefico biondino Draco Malfoy, l'unico a sopravvivere, e a ereditare la "formula" per creare i terribili "Horcrux" (gli oggetti nei quali un mago può intrappolare una parte della propria anima, garantendosi l'immortalità).
Ma tutto questo – ovvero il presunto boicottaggio del libro più atteso dell'anno – "Gabriel" dichiara d'averlo fatto per una nobile ragione: «Per seguire le preziose parole di Papa Benedetto XVI, pronunciate quando era ancora cardinale Joseph Ratzinger, il quale disse che Harry Potter avrebbe portato i giovani verso il neo-paganesimo».
Sarà vero? La casa editrice inglese Bloomsbury, le cui rotative stanno stampando a pieno ritmo il romanzo e che prevede di venderne tre milioni di copie solo nel giorno d'uscita, non si è scomposta più di tanto, e ha fatto sapere attraverso un portavoce che «in rete circolano moltissime versioni e ipotesi sul finale: noi non neghiamo né confermiamo nulla». Understatement inglese, non c'è che dire.
E d'altronde è vero che, nei mesi scorsi, s'è registrato un proliferare di indiscrezioni fasulle, "bufale" e ipotesi fantasiose, oltre alle scommesse vere e proprie sulla fine della saga del maghetto, di cui si sa soltanto che moriranno due dei personaggi principali e che non ci sarà mai un ottavo libro della serie. Parola della Rowling, i cui libri hanno venduto finora 325 milioni di copie in tutto il mondo e sono stati tradotti in 64 lingue. Semmai, ha ipotizzato l'autrice, che s'è detta assai triste all'idea di chiudere con la vicenda incantata di Harry, il seguito potrebbe essere una sorta di "enciclopedia" finale su Hogwarts e tutti i personaggi, anche quelli minori. Hacker permettendo...

© Copyright Gazzetta del sud, 22 giugno 2007

4 commenti:

euge ha detto...

Questa poi!!!!!!!!!!!!!!!!! Certo adesso qualsiasi cosa accada è colpa del Papa!!!!! Piove.... la colpa è di Benedetto, fa caldo??? la co0lpa è sempre di Benedetto qualcuno come in questo caso ha tirato un brutto scherzo all'autrice di Harry Potter chi è stato....??????? Ma non indovinate??????? IL Papa!!!!!!!!!!!!!! Ma per piacere finitela con queste idiozie siete ridicoli!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Eugenia

Cindy ha detto...

Povero Benedetto.
Ormai non può più aprire bocca o comparire in pubbilico senza che le sue parole vengano mal intrpretate o sianooggetto di azioni vergognose come questa!
Non si può prendere come capro espiatorio sempre il Papa se qualcosa va male !!

Anonimo ha detto...

Credo che non abbiate capito bene. La faccenda è un'altra, mica ha fatto qualcosa al papa, o è andato contro di lui, o l'ha accusato in alcun modo! ;)

Raffaella ha detto...

Infatti!!! Credo che qualcuno abbia fatto un po' di pubblicita' a se stesso ed al libro in questione...
Raffaella